La Stanza del Sacro, inaugurata nel 2002, è un allestimento del tutto peculiare all’interno delle proposte dell’Ecomuseo del Vanoi . Ha sede presso la vecchia scuola di Zortea, al primo piano.

L’esposizione in quanto tale passa in secondo piano, se ad essa si sostituisce l’idea di “conservatorium della memoria”: conta di più la memoria di ciò che esponiamo che non quanto è esposto, anche se in alcuni casi i pezzi, hanno un indubbio valore artistico. In questo luogo si propone una lettura del rapporto tra uomo, religiosità e territorio, di conservare una memoria di quando solitamente, facendo parte della religiosità del singolo o di molti è più destinato ad un opera di “secolarizzazione”.

Negli allestimenti permanenti è così possibile leggere un calendario agricolo che fa eco al calendario agiografico con una serie di detti popolare, rime, filastrocche legate ai santi e all’agricoltura-allevamento; si possono conoscere le varie vicende legate alla costruzione delle chiese delle parrocchie della valle, scrutare l’interno della “cassetta” di un venditore ambulante per scoprire cosa portava nelle case; individuare quali luoghi delle abitazioni fossero destinati all’esposizioni delle immagini e degli oggetti religiosi; conoscere la storia di chi viveva realizzando madonne in gesso…
Agli allestimenti permanenti si affiancano durante l’estate, esposizioni temporanee con varie tematiche.

La Stanza del Sacro è aperta al pubblico durante i mesi estivi, e tutto l’anno su richiesta, per gruppi di almeno otto presone telefonando alla Casa dell’Ecomuseo.

Il presente sito fa uso di cookie. Si rinvia all'informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi